Lettere dal fronte del tenente Sobrero (1915-1918): un laboratorio aperto


Questa sezione vuole essere un vero e proprio laboratorio aperto, che permetta ai nostri lettori, giorno dopo giorno, di assistere  - e contribuire - alla ricostruzione della vicenda di guerra del militare Anna Felice Sobrero (caporale all'inizio della sua avventura, nel 1915, tenente nel 1917, a Caporetto, quando venne fatto prigioniero), vicenda ad un tempo illuminante e dolorosa, di notevole valore storico e umano.
Abbiamo potuto acquisire (salvandola dalla dispersione cui era stato destinato da venditori senza troppi scrupoli) una notevole mole di materiale, risalente agli anni 1915-1918 (lettere dal fronte e uno splendido diario di prigionia corredato da numerosi disegni), di mano di questo militare, membro di una nota famiglia di industriali piemontesi che (cito dal testo Incontri reali e anche meno di Ettore Sobrero), «come i Buddenbrook di Lubecca narrati da Thomas Mann, hanno tutti, chi più chi meno, inclinazioni artistiche». 
Calzificio Ettore Sobrero di Gassino Torinese
Anna Felice è uno dei sei figli del fondatore del Calzificio Ettore Sobrero, avanzatissima azienda sorta a fine Ottocento, e in attività sin quasi alla fine degli anni Sessanta (fallirà nel 1967 in seguito a divergenze familiari sulla conduzione), caratterizzata dalla visione illuminata di Ettore, che, dopo aver iniziato a fabbricare calze in un ampio locale al piano terreno di una vecchia casa torinese, con poche macchine rettilinee, volle in seguito edificare una fabbrica a Gassino Torinese, provvista di tecnologie avanzatissime e inoltre dotata di un attiguo villaggio per gli impiegati e gli operai (dipendenti che, dopo la guerra, saranno oltre mille), composto da case solide e di ottima fattura. La storia di questa azienda rappresenta una vera e propria eccellenza italiana. Cliccando qui è possibile avere un'idea precisa della straordinarietà dello stabilimento, accedendo a un articolo ad esso dedicato, pubblicato sul n° 21 del 1925 de «L'illustrazione italiana».
Riguardo alle inclinazioni artistiche della famiglia Sobrero, il padre del nostro praticava la pittura, la madre suonava il pianoforte e il nostro, oltre ad essere un discreto violinista, dipingeva.
Fig. 1 Una vista d'insieme del materiale autografo
In fig. 1, una panoramica del materiale che avremo modo di analizzare assieme, circa 500 lettere e cartoline autografe del militare, oltre al suo splendido diario di prigionia, corredato da numerosi disegni.



Dario Malini


----------------------------------
Chi vuole iscriversi gratuitamente alla nostra newsletter, ci scriva: artegrandeguerra@yahoo.it (basta inserire la parola "newsletter" nell'oggetto della email, per ricevere una comunicazione periodica con le informazioni sulle novità del sito. Per annullare l'iscrizione, inviare una email al medesimo indirizzo, con oggetto "stopnewsletter").

Nessun commento:

Posta un commento