Laboratorio Sobrero (15): «Dove mi manderanno non lo so...» (28 settembre - 6 ottobre 1915)

Lettera del 4 ottobre 1915 (particolare)
Eccoci alla fine del mese di settembre 1915, mentre il neo aspirante sottotenente Anna Felice Sobrero, superato brillantemente il corso per allievi ufficiali (si veda Laboratorio 14), era in attesa di un'assegnazione. Argomento in genere sottaciuto, capitava sovente ai soldati della Grande Guerra di vivere siffatti momenti di sospensione, durante i quali, preda spesso delle più fosche premonizioni, non potevano che attendere passivamente la decisione dall'alto che avrebbe determinato il loro destino.
Cartolina del 28 settembre 1915
Era dunque un periodo certamente colmo d'ansia per Sobrero che, nelle lettere ai familiari, era però assai abile a mascherare il proprio stato d'animo, celandolo anzitutto con dichiarazioni di benessere per l'ormai (quasi) acquisita condizione d'ufficiale. Il 28 settembre, ad esempio, scriveva:
Tutto va benissimo. Mi son già fatto aggiustare berretto coi distintivi, gli spallacci di cuoio, le mollettiere [...]. Vi manderò il ritratto dei promossi col nostro istruttore. [...] Qui al 50° giunse ieri un mio compagno di scuola [...], sottotenente novello di complemento e fu contento di vedermi, e ogni tanto fa qualche... topica... come faremo noi... al nuovo reggimento.
Cartolina del 2 ottobre 1915 (particolare)
In qualche comunicazione, Sobrero sembrava riflettere sulla questione dell'assoluta impotenza in merito alla determinazione della propria sorte, ma sempre come rapido inciso, quasi ciò facesse parte di regole scontate e inderogabili, sulle quali sarebbe parso inutile farsi cattivo sangue, come nella cartolina del 2 ottobre:
E forse si cambia fronte e si fanno (nel nostro corpo) preparazioni... Vedremo!
Cartolina del 3 ottobre 1915
In altre circostanze il militare condensava, significativamente, stati d'animo e sensazioni contrastanti in pochi periodi. Si veda, ad esempio, la cartolina inviata alla madre il 3 ottobre:
È arrivata stamattina la nomina e siamo tutti vestiti! Se vedessi.... fummo presentati a diversi ufficiali e oggi siamo ad Agordo a passeggio. [...] Siamo liberi a disposizione. Il nostro reggimento dopodomani trasloca! Seguirà tutta la Brigata Parma? Dove si andrà? Non lo so.
Lettera del 4 ottobre 1915 (pagina 1)
La lettera del giorno successivo, 4 ottobre, fatta astutamente imbucare a Torino da un collega, missiva che dunque non aveva dovuto subire le verifiche della censura militare (pur non potendo evitare quelle dell'autocensura), ci fornisce precise indicazioni sulle località d'interesse del nostro in questi giorni:
Taibon, 4 ottobre 1915
Approfitto di uno che va a Torino per fare impostare questa mia. Vi scrivo dalla mensa ufficiali e domani il 50° parte per Santo Stefano di Cadore a... prendere il posto del 90° e 92° che hanno ricevuto qualche pillola! E noi seguiamo il reggimento, ma disarmati e a disposizione del comando. Ho già fatto caricare la mia cassetta vestiaria e mi trovo benissimo. Dove mi manderanno non lo so... Scrivo in fretta perché devo partire. Abbiamo la nostra mensa ufficiali e tutto come gli ufficiali.
Il 50° va precisamente a Monte Croce e può essere si proceda ad una avanzata. [...] Bacioni a tutti. Cici.
Cartolina del 6 ottobre 1915
Finalmente, il 6 ottobre, arrivò la notizia dell'assegnazione di Sobrero al 49° Fanteria, soluzione da lui assai auspicata per le numerose conoscenze detenute all'interno di quel reggimento. La lettera, piuttosto distesa e anche brillante, parrebbe un poco sopra le righe, trasuda una soddisfazione solo in parte comprensibile, che stride con la situazione ancora oscura in merito alla prossima destinazione:
Vi ho telegrafato stamani. Sono al 49° Fanteria. Sono contentone. Vi è il capitano Marino nel mio battaglione (ex tenente al 50°), il maggiore Armando (pure capitano al 50°). E un altro capitano che fu sottotenente sotto Barba Silvio, e che è contentone di avermi con lui. Bellissima accoglienza, invitati a prendere caffè. E da stasera si è alla mensa ufficiali. Si partirà domani per ignota destinazione con il 50° e tutta la divisione!
Sono proprio contentissimo. Vi scriverò forse stasera, forse domani. Oggi saremo assegnati alla compagnia come comandanti di plotone, e mi prenderò l'attendente per un po'! Stupido però...
Lasciamo  dunque il nostro (quasi) sottotenente Anna Felice Sobrero a riposare, prima della lunga marcia di trasferimento verso ignota destinazione, per sapere qualcosa a proposito della quale dovremo attendere il prossimo intervento.




Dario Malini





----------------------------------
Chi vuole iscriversi gratuitamente alla nostra newsletter, ci scriva: artegrandeguerra@yahoo.it (basta inserire la parola "newsletter" nell'oggetto della email, per ricevere una comunicazione periodica con le informazioni sulle novità del sito. Per annullare l'iscrizione, inviare una email al medesimo indirizzo, con oggetto "stopnewsletter").

Nessun commento:

Posta un commento